Unità di Ittiopatologia (ITT)

L’Unità di Ittiopatologia svolge attività di ricerca nel settore della sanità degli animali acquatici, con particolare riferimento alle malattie parassitarie delle specie ittiche selvatiche e d’allevamento, nonché alle problematiche sanitarie ad eziologia infettiva di maggior rilievo per l’acquacoltura nazionale ed alle zoonosi di origine ittica.
Il gruppo di ricerca dell’Unità di Ittiopatologia è attualmente coinvolto, con la prof.ssa Ciulli ed il prof. Adinolfi dello SPASA, nel progetto europeo H2020 PerformFISH “Consumer driven production: integrating innovative approaches for competitive and sustainable performance across the Mediterranean aquaculture value chain”.

Oltre a rappresentare un laboratorio di riferimento per la parassitologia ittica a livello nazionale, offre supporto diagnostico a numerosi impianti d’acquacoltura marina e dulciacquicola.

Spazi e Strumentazione

L'unità di Ittiopatologia si compone di 5 laboratori:

  • laboratorio dedicato alla processazione di campioni biologici per la conduzione di esami diagnostici e di indagini parassitologiche
  • laboratorio dedicato all’osservazione microscopica di preparati diagnostici ed allo studio morfometrico di parassiti
  • laboratorio dedicato all’analisi di preparati parassitologici ed istologici con sistemi di acquisizione d’immagine
  • laboratorio dedicato alla batteriologia ittica

  • laboratorio dedicato alla conduzione di analisi molecolari.

I laboratori sono attrezzati con:

  •  stereomicroscopi e microscopi ottici dotati di camera lucida e sistemi per acquisizione/analisi d'immagine,
  • frigoriferi,
  • congelatori,
  • incubatore,
  • cappa filtrante per formaldeide a flusso laminare biohazard
  • centrifughe,
  • termociclatori,
  • sistema per Realtime PCR.

Contatti